La condanna per responsabilità medica esige un’articolata motivazione

sos avvocati – avvocati a difesa dei medici

Cass. pen. Sez. IV, Sent., (ud. 11-02-2020) 18-05-2020, n. 15258

La Suprema Corte annullla la sentenza di condanna, sebbene agli effetti civili per l’intercorsa prescrizione, in quanto l’affermazione che la condotta del sanitario fosse stata connotata da superficialità e frettolosità era stata data senza rendere conoscibili le premesse fattuali dalle quali si potesse trarre un simile giudizio; in sostanza era stata descritta la condotta, ma non era stato chiarito perchè la stessa fosse stata negligente, oltre che a imperita.

Il giudice di merito investito del compito di pronunciarsi in ordine alla responsabilità dell’esercente una professione sanitaria per l’evento infausto causato nel praticare l’attività, ove concluda per la attribuibilità di quello alla condotta colposa dell’imputato, è tenuto a rendere una articolata motivazione, dovendo indicare, tra l’altro: 1) se il caso concreto sia regolato da linee-guida o, in mancanza, da buone pratiche clinico-assistenziali; 2) specificare di quale forma di colpa si tratti (se di colpa generica o specifica, e se di colpa per imperizia, o per negligenza o imprudenza); 3) appurare se ed in quale misura la condotta del sanitario si sia discostata dalle pertinenti linee-guida o buone pratiche clinico-assistenziali (Sez. 4, n. 37794 del 22/06/2018 – dep. 06/08/2018, De Renzo, Rv. 27346301) e più in generale quale sia stato il grado della colpa; 4) ove il reato non sia stato commesso sotto la vigenza dell’art. 590-sexies c.p. (cfr. Sez. U, n. 40986 del 19/07/2018 – dep. 24/09/2018, P, Rv. 27393401), accertare a quale delle diverse discipline succedutesi nel tempo debba essere data applicazione, in quanto più favorevole all’imputato nel caso concreto, ai sensi e per gli effetti dell’art. 2 c.p., comma 4. Un percorso che, per quanto riguarda l’accertamento del grado della colpa, impone di considerare molteplici indici, taluni dei quali attengono alla cd. misura oggettiva della colpa, altri alla cd. misura soggettiva della colpa.